Salute mentale: Superiamo lo stigma nella comunicazione

Salute mentale: Superiamo lo stigma nella comunicazione

Le parole per dirloMedia e salute mentale” è il titolo dell’iniziativa formativa promossa da Rai Per la Sostenibilità-ESG e dalla Direzione Editoriale Offerta Informativa, in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale ASL Roma 2 e con il supporto di Rai Academy.
L’evento, che si è svolto il 24 giugno 2024 nella sede RAI di Viale Mazzini con la partecipazione di oltre 60 giornaliste e giornalistiè liberamente accessibile on line al link https://www.rai.it/ufficiostampa/assets/template/us-video.html?ssiPath=/video/2024/06/Le-parole-per-dirlo-Media-e-salute-mentale–71985e2f-0a35-4c23-90ce-9e5d8f7087c6-ssi.html.

In una prima parte sono intervenuti gli psichiatri E. Caroppo e M. Cozza con la psicologa G. Gabriele del DSM ASL Roma 2 affrontando le tematiche storichescientifichenormative e organizzative della salute mentale in Italia. In una seconda parte le giornaliste specializzateLaura Berti e Veronica Rossi, oltre a Gemma Calamandrei dell’Istituto Superiore di Sanità hanno affrontato le criticità correlate al rapporto media e salute mentale. Infine, il giornalista Michele Partipiloesperto di deontologia professionaleha evidenziato in particolare la validità in questo ambito del Testo Unico dei doveri del Giornalista.
E’ motivo di grande soddisfazione – ha dichiarato Francesco AmatoCommissario Straordinario ASL Roma 2 – aver contribuito con le nostre professionalità a una importante iniziativa targata servizio pubblico“.

In particolare – ha affermato Massimo CozzaDirettore del DSM ASL Roma 2 – nella comunicazione è fondamentale il rispetto della persona, senza nessi automatici tra violenza e disturbo mentaleprivo di validità scientifica“.

Fonte: Sanita24.ilsole24ore.com

Photo: Sanita24.ilsole24ore.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Un ospedale di comunità al Sandro Pertini: 80 pazienti in meno di due mesi

Fonte: Sociale.it