Una terapia innovativa per trattare disturbi psichiatrici e neurologici

Una terapia innovativa per trattare disturbi psichiatrici e neurologici

La Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS), combinata con terapie psicologiche, psicoterapeutiche e farmacologiche, può intervenire su comportamenti disturbanti e ristabilire un equilibrio dell’attività elettrochimica.
Un contributo al trattamento di problemi di natura neurologica e psichiatrica in pazienti con ansiadepressione resistentedisturbi ossessivi del comportamento (Doc), dipendenze da alcol e droghe e disturbi alimentari, ma anche Alzheimer, ParkinsonSLA arriva oggi dalla neuro modulazione combinata ad altre terapie, attraverso un approccio innovativo e integratomultidisciplinare e personalizzato.

Questo è quanto è emerso durante il 2° Congresso sul benessere del cervello e della mente tenutosi a Milano al Centro Congressi Fast – Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche, organizzato da Brain&Carecentro clinico multidisciplinare specializzato nella gestione di disturbi di natura neurologicapsicologica e psichiatrica con sedi a MilanoRimini e Torino e Letscom3, con i patrocini di Università degli Studi di MilanoUniversità di VeronaOrdine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano e Consiglio dell’ordine Nazionale degli Psicologi, che ha reso possibile un confronto tra alcuni dei massimi esperti del settore per esplorare le frontiere delle terapie innovative come la Tms per trattare disturbi psichiatrici e neurologici e promuovere il recupero cognitivo e motorio.

La Stimolazione Magnetica Transcranica è un trattamento non invasivo e non farmacologico, sicuro e senza effetti collaterali. La TMS funziona posizionando una bobina magnetica sul capo del paziente, che va a stimolare esternamente aree specifiche del cervello associate ai sintomi della depressione, del disturbo ossessivo compulsivo, del craving (desiderio irrefrenabile di assumere una sostanza) e di specifici disturbi neurologici.

La stimolazione incoraggia le cellule cerebrali a rilasciare naturalmente le sostanze chimiche necessarie per regolare correttamente l’umore.

A seconda dei parametri scelti per la stimolazione, l’effetto sul cervello può essere di due tipi:

Attivazione induzione/incremento dell’attività elettrica di un’area altrimenti inattiva o ipoattiva;

  1. Inibizione ― riduzione dell’attività elettrica in corso in una determinata area iperattiva.

Numerosi studi di laboratorio suggeriscono che l’azione di modulazione dell’attività neuronale ottenuta tramite la TMS si realizzi attraverso il miglioramento e il potenziamento dell’attività del Brain Derived Neurotrofic Factor (BDNF – un importante fattore coinvolto nella plasticità delle cellule neuronali) attraverso un’azione sui suoi recettori TrkB (recettore della tirosina chinasi B), suggerendo quindi che i benefici ottenuti tramite questa tecnica di neuro modulazione siano da attribuire a un miglioramento della plasticità cerebrale.

 

Photo: Lagazzettadelmezzogiorno.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

20 aprile 2024 – Milano: “Vedere il buio” – “Muovere lo spazio” – “Ascoltare il silenzio”

Fonte: Sociale.it