Comunità energetiche – Ecco il vademecum di Anci e Gse

Comunità energetiche – Ecco il vademecum di Anci e Gse

Presentata la guida che contiene le indicazioni e le istruzioni per i Comuni, a partire dall’analisi del contesto, delle risorse disponibili e dei fabbisogni dei territori.

È stato presentato ieri il vademecum dell’Anci per i Comuni su “Autoconsumo individuale a distanza e comunità di energia rinnovabile”Il documento, redatto in stretto raccordo tecnico con il GSE (Gestore dei Servizi Energetici).

“Siamo molto lieti della collaborazione con il MASE (Ministero dell’Ambiente) e con il GSE su una misura così importante, anche dal punto di vista culturale, per i territori – ha detto il Vicepresidente Vicario ANCI Roberto Pella – Una misura che vale 2,2 miliardi di euro e che apre una strada alternativa alla decarbonizzazione, al contrasto alla dipendenza energetica e ai cambiamenti climatici, alla riduzione dei costi dell’energia, sia per i Comuni sia per i cittadini, a iniziare dalle famiglie in difficoltà in povertà energetica. Rivolgo un ringraziamentoin primis, al Ministro Pichetto Fratin per l’impegno in sede di contrattazione europea su risorse e inserimento del ruolo dei comunitestimonianza dello sforzo profuso per i territori e per le comunità in una misura così rilevante che si rivolge anche ai comuni più piccoli, alle imprese, alle parrocchie tramite un protocollo con la CEIal terzo settore e a tutta la filiera coinvolta da una svolta epocale. Con il GSE abbiamo avviato da qualche anno un percorso di lavoro comune, con ottimi risultati. Ringrazio il Presidente Arrigoni altresì per la sua disponibilità a mettere al servizio dello sviluppo di questa misura numerosissimi e capillari strumenti di formazionesportelli sul territoriotutor e ogni utile supporto. Siamo consapevoli del valore strategico della misura – ha ricordato – ANCI è in prima linea insieme al GSE per supportare le amministrazioni locali a cogliere l’opportunitàcomplessa ma sfidante, inserita in un quadro di integrazione con altri strumenti e di piena collaborazione, auspicando la più ampia partecipazione, come l’entusiasmo e il fermento proveniente dai territori finora hanno fatto presagire“.

Da parte sua il Presidente GSEPaolo Arrigoni ha affermato che “Il vademecum con ANCI è un ulteriore strumento messo a disposizione dal GSE per supportare gli enti locali nel creare consapevolezza sul territorio dei benefici legati al nuovo meccanismo delle CER (Centro Energia Rinnovabile). Il GSE ha messo in campo molteplici iniziative per promuovere e informare sul ruolo che i Comuni possono avere, soprattutto quelli sotto i 5mila abitanti che possono beneficiare dei contributi PNRR. Tra questi, oltre a webinar tematici, seminari con le associazioni di categoria, newsletter, ricordo il nostro roadshow “Diamo energia al cambiamento” nato per promuovere nei territori i vantaggi legati alla condivisione dell’energia“, ha concluso Arrigoni. ‎

Durante la presentazione del vademecum sono intervenuti i sindaci Mario Conte (Treviso), Michelangelo Giansiracusa (Ferla) e Carlo Conti (Frinco) che hanno illustrato le loro esperienze di comunità energetiche territoriali. Dalla loro testimonianza è arrivata la conferma che, per favorire la transizione energetica attivata dalle CER, è necessario sia l’investimento nelle infrastrutture materiali che in assistenza tecnica in modo da supportare soprattutto gli enti locali minori nei percorsi di configurazione energetica attualmente possibili.

CACER_Vademecum_ANCI-240412-corretto-stampa.pdf

Fonte: Difesapopolo.it

Photo: Difesapopolo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Il Papa in Campidoglio, “Roma sia al servizio degli ultimi”

Fonte: Sociale.it