Dall’Emilia Romagna 2,2 milioni di euro per i corsi estivi di musica rivolti a persone con disabilità

Dall’Emilia Romagna 2,2 milioni di euro per i corsi estivi di musica rivolti a persone con disabilità

Dall’Emilia Romagna 2,2 milioni di euro per i corsi estivi di musica rivolti a persone con disabilità.

Corsi estivi di musica nelle scuole, con un’attenzione particolare agli allievi con bisogni specifici come per esempio disabilitàdisturbi dell’apprendimento e necessità educative speciali. Li promuove la Regione Emilia – Romagna, con un bando che mette a disposizione 2,2 milioni di euro di risorse europee Fse+ e si rivolge alle scuole di musica e agli organismi specializzati nell’organizzazione e gestione di attività di didattica e pratica musicale dell’Emilia-Romagna, riconosciuti per l’anno scolastico 2024-2025. Saranno finanziati, come fa sapere la giunta, progetti aggiuntivi e addizionali rispetto all’offerta formativa ordinaria, “Da realizzarsi anche nei mesi estivi in una logica di spazi aperti al territorio e alle comunità oltre il tempo scuola“.

L’offerta, realizzata in partenariato con almeno due istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado o enti di formazione professionale del sistema di istruzione e formazione professionale, dovrà essere articolata in moduli riferiti a una delle seguenti tipologiecanto coralemusica strumentale d’insieme e propedeutica musicale. Il bando promuove la possibilità di partecipazione agli allievi interessati, garantendo la gratuità di accesso ai percorsi formativi e prevedendo la possibilità di attivare figure professionali specifiche per i bisogni dei destinatariI progetti, precisa ancora la Regione, dovranno essere presentati entro il 25 giugno.

Fonte: Superabile.it
Photo: Superabile.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Un ospedale di comunità al Sandro Pertini: 80 pazienti in meno di due mesi

Fonte: Sociale.it