18 marzo 2024: Giornata in memoria delle vittime del Covid-19. “Non dimenticare”

18 marzo 2024: Giornata in memoria delle vittime del Covid-19. “Non dimenticare”

“Quattro anni fa la pandemia entrò nelle nostre vite stravolgendole. Ancora oggi portiamo addosso le ferite e le conseguenze sociali del Covid-19, non ultime le nuove povertà che ne sono scaturite. Sono vive nella mente di tutti le immagini delle ambulanze che soccorrevano le persone malate, degli operatori sanitari che prestavano loro le cure necessarie, delle terapie intensive, delle vittime di questa terribile epidemia“. Così in una nota Rosario ValastroPresidente della Croce Rossa Italiana nella Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di coronavirus.

“Le volontarie e i volontari della Croce Rossa Italiana non si sono certo risparmiati durante l’emergenza – continua Rosario Valastro -, anzi: si sono confermati una presenza costante per tutta la popolazione, sempre in prima linea nonostante l’avversario che avevano davanti non facesse sconti a nessuno, neppure a loroneppure a noiA quattro anni di distanza dalle immagini dei camion che attraversavano Bergamo carichi di bare, in questa Giornata ricordiamo le vittime dell’epidemia da Coronavirus, rivolgendo il più sincero abbraccio alle loro famiglie, ai Comitati della CRI che, proprio a causa del Covid-19, persero volontarie e volontari. Non dimentichiamoci di loro. Dell’impegno, della dedizione, di quelle vite messe al servizio di altre, di quanti, pur colpiti dal dolore per aver perso un familiareun amico, non hanno rinunciato a donare se stessi a chi aveva bisogno. Superare questa emergenza non è stato facile ma la speranza, l’Umanità che ha unito tutte e tutti all’insegna della fratellanza, ci hanno permesso di vincere questa sfida“. Anche il Ministro della SaluteOrazio Schillaci, ricorda le vittime e il sacrificio degli operatori sanitari in una nota. “Oggi ricordiamo le persone che hanno perso la vita a causa del CovidUn ricordo che non si esaurisce in questa Giornata ma portiamo con noi ogni giorno perché non dimentichiamo chi è deceduto a causa del virus e la sofferenza delle loro famiglie – si legge nella nota del Ministro -. E non dimentichiamo che tra le vittime della pandemia ci sono stati anche operatori sanitari. Non ringrazieremo mai abbastanza mediciinfermierioperatori sociosanitarifarmacisti e volontari che hanno lottato contro il virus e hanno assistito e curato i malati fino allo stremo delle forzeLe immagini dei camion di Bergamo che trasportavano bare hanno lasciato un segno indelebile e sono di continuo monito e sprone nelle attività che ci vedono impegnati“. Su Facebook, invece, il Ministro per le DisabilitàAlessandra Locatelli ricorda “Un giorno di commozioneun giorno in cui il mio pensiero va alle vittimealle famiglie, a tutti noi spaesatiincerti, spaventati e angosciati – si legge nel post -. Sono stati giorni di una realtà che non avremmo voluto vivere, di un impatto sulle nostre vite e sul mondo che ci ha cambiati per sempre.  Parenti, amicipersone che conoscevamo ci hanno lasciati in quei giorni, penso alle persone anziane o con disabilità, alle persone più fragili sole e isolate da tutto, senza qualcuno vicino che potesse tenergli la manosenza qualcuno che potesse fargli una carezzaPrego per ogni persona che non ce l’ha fatta e per la sua famigliaPrego perché mai più ci travolga così un evento inatteso e ringrazio tutti coloro che a diverso titolo non solo hanno prestato soccorso ma hanno anche recuperato ausilistrumentiaiutato nelle piccole attività e nelle grandi azioni, supportato anche con viveri e conforto psicologico. Grazie, la pandemia ci ha colpiti molto duramente ma ci siamo rialzati. Alcuni hanno pagato il prezzo più caro e a loro penso spesso, con il cuore“.

 

 

Photo: Tecnicadellascuola.it

Fonte: Difesapopolo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

20 aprile 2024 – Milano: “Vedere il buio” – “Muovere lo spazio” – “Ascoltare il silenzio”

Fonte: Sociale.it