Povertà – Il 21 febbraio a Roma una giornata di studio a cura delle Acli

Povertà – Il 21 febbraio a Roma una giornata di studio a cura delle Acli

- in News, Povertà, Servizi, Società, Volontariato
166
0
Mercoledì, 21 febbraio,  le Acli dedicano una giornata all’approfondimento e alla divulgazione degli studi fatti sui dati delle dichiarazioni dei redditi dal 2020 al 2023 con la presentazione di due ricerche inedite. La mattina, a partire dalle ore 10 a Roma, nella sala Cristallo, presso l’Hotel Nazionale in piazza Montecitorio 131, le Acli presentano la ricerca “Povere famiglie. L’impatto dell’inflazione sui redditi degli italiani“, realizzata dall’Osservatorio nazionale dei redditi e delle famiglie in collaborazione con il Caf Acli e l’Iref, su un panel di oltre 600.000 dichiarazioni dei redditi, raccolte dal Caf Acli negli ultimi 4 anni.
L’Osservatorio, nato a giugno 2022, ha lo scopo di raccogliere periodicamente dati inerenti alle famiglie per interpretarne i bisogni e farsi portavoce presso il Governo di proposte concrete su politiche familiarieconomiche e sociali – si legge nella nota -. Il lavoro di ricerca che viene proposto con cadenza annuale è davvero un unicum nel panorama delle indagini visto che il lavoro viene fatto su dati ufficiali (le dichiarazioni dei redditi) e non su interviste o campionidati raccolti in forma anonima. L’altro punto di forza dell’analisi è il fatto che venga fatto su un panel, cioè sulle stesse famiglie che sono state seguite per ben 4 anni“.
La terza indagine dell’Osservatorio si basa su un panel ampio, di 602.566 famiglie che hanno presentato la dichiarazione dei redditi presso il Caf Acli dal 2020 al 2023.
“In particolare, la ricerca analizza la perdita reale di potere d’acquisto a causa dell’inflazionel’impatto che ha avuto sui mutui abitativi e sulle spese per i figli, la differenza di rischio di entrare in povertà tra un uomo e una donna – continua la nota -. Mostra, inoltre, quali sono i nuclei familiari che sono entrati o usciti dalla soglia di povertà. Confrontando i dati delle dichiarazioni dei redditi dal 2020 al 2023 emerge che l’inflazione e la guerra hanno eroso i redditi del ceto medio più del Covid. Una perdita invisibilenon rilevabile in busta paga, ma che ha limitato fortemente le scelte di spesa, andando a colpire anche i beni primari“.
L’evento di mercoledì 21 febbraio a Montecitorio sarà introdotto da Lidia Borzì, delegato nazionale Acli Famiglia e stili di vita. A seguire interverranno: Stefano Parisi, presidente Caf AcliAntonio Russo, Vicepresidente nazionale Acli e portavoce dell’Alleanza contro la PovertàAdriano BordignonPresidente nazionale del Forum delle Famiglie.
La ricerca sarà presentata da Alessandro Serini, ricercatore senior Iref, e poi commentata dai parlamentari Paolo BarelliForza ItaliaMarco FurfaroPartito DemocraticoAndrea QuartiniMovimento 5 Stelle e Luciano CiocchettiFratelli d’Italia.
Nel pomeriggio, alle ore 17, presso la sede nazionale delle Aclivia Marcora, 18/20, sarà presentata la seconda parte della ricerca, dal titolo “Povertà, vulnerabilità e disuguaglianza. La nuova sfida dei territori e delle comunità“. Grazie all’analisi sul panel quadriennale di dichiarazioni dei redditi, l’Iref, l’Istituto di Ricerche Educative e Formative delle Acli, ha certificato come la povertà relativa non è un fenomeno solo urbano, ma in proporzione è più diffusa nelle aree interne d’Italia. Per alcune tipologie familiari il gap di reddito tra città e paese assume proporzioni estremamente ampie.
L’indagine “La povertà è solo un fenomeno urbano?” Sarà presentata dal coordinatore ricerche dell’IrefGianfranco Zucca. Seguiranno gli interventi di Antonio Russo, vicepresidente nazionale Acli e portavoce dell’Alleanza contro la PovertàLidia Borzì, delegato nazionale Acli Famiglia e stili di vitaRemo Siza, sociologo, editorial board of the Journal of international and comparative social policyLuisa Corazza, professoressa presso il dipartimento di economia, UnimolLe conclusioni sono affidate a  Emiliano ManfredoniaPresidente nazionale Acli.
Photo: Acli.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

20 aprile 2024 – Milano: “Vedere il buio” – “Muovere lo spazio” – “Ascoltare il silenzio”

Fonte: Sociale.it