Velletri (RM): Il progetto del Centro diurno Talita Kum lancia “Un Uovo per la Disabilità” – per la Pasqua

Velletri (RM): Il progetto del Centro diurno Talita Kum lancia “Un Uovo per la Disabilità” – per la Pasqua

- in Disabilità, Food, News, Volontariato
187
0

Il progetto dell’associazione Talita Kum (termine aramaico che significa Fanciulla, alzati!), dal maggio del 2022 fino ad oggi fortifica le sue radici e sta assorbendo ulteriore linfa per poter diventare un punto di riferimento per tante persone, e le rispettive famiglie, che spesso vivono condizioni di difficoltà, di solitudine e di mancanza di aiuto.

L’associazione vuole essere un punto di incontro per le persone con disabilità e le loro famiglie, per gli anziani e chiunque volesse condividere il proprio tempo in modo costruttivo.

“Insieme condivideremo momenti di attività varie (canto, pittura, cucina e altro) e di collaborazione in un clima festoso”, dichiarano dall’associazione (riconosciuta come Ente di Terzo Settore e regolarmente iscritta al RUNTS), che ha come Presidente Francesca Faggion e può contare, come sede, dei locali della Parrocchia Madonna del Rosario, struttura ottenuta (cappella e salone parrocchiale esclusi) in comodato dalla Diocesi di Velletri-Segni.

Talita Kum lancia un’iniziativa di raccolta fondi il cui ricavato verrà utilizzato per creare spazi attrezzati per persone con disabilità, “Un Uovo per la Disabilità”: un uovo di cioccolato Antica Norba arriverà presto in tutti i punti vendita Carrefour del gruppo Deserti e saranno disponibili a richiesta anche presso la sede di via Acqua Lucia, a Velletri.

Per ulteriori informazioni sull’iniziativa e sul progetto telefonare ai numeri 338/3159954 (Francesca), 328/7284365 (Miranda), dell’associazione.

 

 

Photo: Castellinotizie.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Il Papa in Campidoglio, “Roma sia al servizio degli ultimi”

Fonte: Sociale.it