Amy Jandrisevit è un’ex assistente sociale americana, ha avuto un’idea speciale, quella di creare delle bambole che ai bimbi con disabilità assomiglino, si chiama “Doll like me”,  è terapeutico, dice, per i bambini vedere le loro differenze riflesse nelle cose con cui giocano, ogni bambola è fatta a mano e somiglia al bambino per cui è creata, con le sue caratteristiche fisiche, i problemi medici e la sua etnia.

 

 

Leggi l’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

27 e 28 settembre 2020: Torna l’iniziativa “Un Pasto al Giorno”, un aiuto ai “nuovi poveri”

Fonte: http://www.vita.it