Ambiente – Anche Rete Onu in Canada per un accordo sull’inquinamento da plastica

Ambiente – Anche Rete Onu in Canada per un accordo sull’inquinamento da plastica

Ad Ottawa l’incontro INC 4 (Iniziativa Intergovernativa di Contrattazione) per sviluppare un accordo internazionale legalmente vincolante per ridurre l’inquinamento da plasticaincluso quello marinoObiettivo è chiudere i negoziati entro la fine del 2024. “Facciamo sentire la voce del riutilizzo“.

I delegati di 174 paesi mondiali si riuniscono ad Ottawa in Canada per il penultimo ciclo di discussione sugli strumenti giuridici vincolanti per mettere fine all’inquinamento di plastica.  L’incontro INC 4 (Iniziativa Intergovernativa di Contrattazione) ha come tema centrale la lotta all’inquinamento da plastica, ed è stata avviata sotto l’egida del Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP)Il comitato mira a sviluppare un accordo internazionale legalmente vincolante (cioè un trattato) per ridurre l’inquinamento da plasticaincluso quello marinoL’obiettivo è affrontare l’intero ciclo di vita della plastica, dal design alla produzione fino al recuperoL’INC ha iniziato i suoi lavori nella seconda metà del 2022 con l’obiettivo di completare i negoziati entro la fine del 2024, quella che si apre oggi è il quarto ciclo di incontri.

Per Rete ONUrete degli operatori dell’usato, è presente Pietro Luppi, direttore del comitato scientifico dell’associazione, che questa mattina ha incontrato i rappresentanti dell’UE durante una riunione organizzata dalla presidenza del Belgio insieme agli altri movimenti di waste pickers del mondo: “Sono state ascoltate le voci dei soggetti vulnerabili – ha raccontato Pietro Luppisoddisfatto di questo primo incontro – Rete ONU insieme è qui per affermare con forza che in Europa questi raccoglitori sono una maggioranza silente ma che fa la maggior parte del lavoro, insieme alle microimprese a conduzione familiareIn Europa non sono ancora riconosciuti come invece in Brasile o India, siamo qui per fare in modo che questo settore sia innanzitutto preso in considerazione“.

Il riutilizzo fa parte della circolarità e ne fanno parte molti soggetti vulnerabili, che noi rappresentiamo –  spiega Alessandro Stillo, presidente di Rete ONU – siamo ad Ottawa per fare sentire la voce di questa categoria che lavora nel settore del riutilizzo e che in Italia è rappresentata da oltre 50mila persone“. Alessandro Giuliani, portavoce della rete spiega: “Si sta chiedendo una transizione giusta nel trattato e noi vorremmo che parta soprattutto da programmi di inclusione emersione, regolarizzazione delle economie vulnerabili del riutilizzo“.

Fonte: Redattoresociale.it

Photo: Rinnovabili.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Il Papa in Campidoglio, “Roma sia al servizio degli ultimi”

Fonte: Sociale.it