Servizio Sanitario Nazionale: Per l’89% degli italiani è sacro ma curarsi sta diventando un lusso

Servizio Sanitario Nazionale: Per l’89% degli italiani è sacro ma curarsi sta diventando un lusso

- in News, Salute e benessere
117
0

Presentato 21° Rapporto Ospedali&Salute di Censis E Aiop: nonostante la fiducia nel SSN i cittadini sperimentano continue barriere d’accesso (liste d’attesa in primis).

Per la gran parte degli italiani il Servizio sanitario nazionale riveste un ruolo fondamentalel’89% dei cittadini lo ritiene infatti un pilastro della nostra società. Uno spazio ‘sacro‘ dove ridimensionare le diseguaglianze territorialisocio-economiche e culturali. Il 90,5% dei pazienti ritiene positiva o comunque sufficiente la qualità delle prestazioni ricevute. È quanto emerso oggi a Roma nel corso della presentazione del 21° Rapporto Ospedali&Salute ‘Reinventiamo il Servizio SanitarioCome evitare la deriva di una Sanità per Censo’, promosso da Aiop, l’Associazione Italiana delle aziende sanitarie ospedaliere e territoriali e delle aziende socio-sanitarie residenziali e territoriali di diritto privato, e realizzato in collaborazione con il Censis.

Il Rapporto coniuga le evidenze elaborate dal Ministero della Salute, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, da Agenas (Formazione a sostegno dei professionisti sanitari)  e da altri osservatori privilegiati con l’esperienza dei cittadini-pazienti.
Il primo risultato, dunque, è la sovrapposizione che si realizza tra i due punti di vista, quello della percezione diretta degli utenti e quello degli erogatori del Ssn, nelle sue articolazioni di diritto pubblico e di diritto privato.

– Le barriere all’accesso alle prestazioni sanitarie: il problema risiede, tuttavia, nel riuscire a usufruire dei servizi sanitari nell’ambito del Ssn. Secondo l’indagine, il vulnus del sistema è proprio la sua impermeabilità, in termini di barriere all’ingresso. Il 53,5% degli italiani si trova ad affrontare tempi di attesa eccessivamente lunghi rispetto all’urgenza della propria condizione clinica, mentre il 37,4% segnala la presenza di liste bloccate o chiuse, nonostante siano formalmente vietate.

– La fuga nella sanità a pagamento: ecco che ogni 100 tentativi di prenotazione nel Ssn, la quota di popolazione che rinuncia e si rivolge alla sanità a pagamento è del 39,4% (il 34,4% dei bassi redditi). In particolare, il 12% ricorre all’intramoenia (la sanità privata nelle strutture pubbliche) e il 18% al privato puro.

Il 51,6% degli italiani sceglie direttamente la sanità a pagamento, senza provare a prenotare nel Ssn – inteso in tutto il Rapporto Ospedali&Salute sia nella sua componente di diritto pubblico sia nella sua componente di diritto privato – una quota alta anche tra la popolazione a basso reddito (40,6%).

 

Fonte: Disabili.com

 

Photo: It.wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

20 aprile 2024 – Milano: “Vedere il buio” – “Muovere lo spazio” – “Ascoltare il silenzio”

Fonte: Sociale.it