Confcooperative – 200 cooperative per gestire beni confiscati

Confcooperative – 200 cooperative per gestire beni confiscati

- in Eventi, News, Servizi, Terzo Settore
142
0

Dare nuova vita ai beni confiscati per far vincere l’economia sana su quella criminale, ripristinare la legalità e rendere, in questo modo, giustizia alle tante vittime della mafia.

Un’azione cruciale per il nostro Paese che portiamo avanti ogni giorno con 200 cooperative impegnate nella gestione dei beni confiscati che fatturano 100 milioni, danno lavoro a 3mila persone e realizzano servizi per la comunità e l’inclusione lavorativa soprattutto dei più fragili“.

Così Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative nella giornata in memoria delle vittime della mafia.

Al di là dei numeri, aggiunge, “La rinascita dei beni confiscati rappresenta il momento di riscatto economicosociale e soprattutto culturale dei territori. La criminalità si batte anche cosi. È necessario velocizzare i tempi di assegnazione per i quali al momento occorrono 5 anni per passare dalla confisca all’assegnazione“.
Il centro studi di Confcooperative fornisce in una nota l’identikit delle cooperative che gestiscono i beni confiscati.

Si tratta di imprese di piccole dimensioni, ma solide da un punto di vista strutturale e finanziario in grado di generare sul territorio una economia sanalavoro e prospettive. E questo anche in aree con economie più in difficoltà, con il 60% delle realtà operative nel Sud del paese. In quanto all’utilizzo dei beniIl 34% riguarda l’accoglienza e l’integrazione, incluso l’housing sociale. Alle attività agricole è desinato il 25% dei beni, mentre il 12% riguarda la formazione e il 10% rivive grazie al commerciol’artigianato e la ristorazione con le sartorie o le osterie sociali.
Fonte: Ansa.it

 

Photo: Cooperativeitalia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

20 aprile 2024 – Milano: “Vedere il buio” – “Muovere lo spazio” – “Ascoltare il silenzio”

Fonte: Sociale.it