Premio Giornalistico “3 dicembre – Paolo Osiride Ferrero”

Premio Giornalistico “3 dicembre – Paolo Osiride Ferrero”

Il Premio Giornalistico “3 dicembre – Paolo Osiride Ferrero” promuove i temi della disabilità, dell’inclusione sociale e dell’accessibilità, premiando chi, giornalista o in generale attivo nel mondo della comunicazione, si sia particolarmente distinto nel produrre inchieste, redigere articoli, testi, pubblicazioni, servizi o programmi, video, radio e web, dedicati a questi argomenti, promosso dalla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà) e dedicato a colui che di essa fu per vent’anni il presidente, Paolo Osiride Ferrero.

Le categorie in concorso sono tre: riconoscimento economico di 4000 euro, per il miglior articolo, servizio giornalistico, inchiesta di approfondimento, programma radiofonico, televisivo o online e reportage fotografico; la menzione speciale ‘Associazione Angelo Burzi’ per la miglior opera letteraria e di storytelling; la menzione speciale in partnership con AcessiWay per il miglior contenuto web e social.

Il bando di partecipazione scade il 30 marzo. La domanda deve essere inviata tramite PEC. A questo link si possono avere il regolamento, il modulo per la domanda di partecipazione (entro il 30 marzo) e ogni altra informazione.

La Giuria è presieduta da Luigi Contu, Direttore dell’Agenzia ANSA, con il coordinamento di Fabrizio Vespa ed è composta da giornalisti locali e nazionali: Stefano Arduini, Andrea Di Consoli, Giuseppe Gandolfo, Carlo Giacobini, Alessandro Giuli, Paola Grauso, Alberto Manzo, Antonella Mariani, Maria Teresa Martinengo, Lorenzo Montanaro, Tiziana Platzer.

La cerimonia di premiazione si terrà a Torino il 6 giugno.

Per informazioni: informadisabile@comune.torino.it.

 

Photo: Facebook.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

20 aprile 2024 – Milano: “Vedere il buio” – “Muovere lo spazio” – “Ascoltare il silenzio”

Fonte: Sociale.it