Gli effetti dei cambiamenti climatici sulle persone con disabilità: Un’emergenza nell’emergenza

Gli effetti dei cambiamenti climatici sulle persone con disabilità: Un’emergenza nell’emergenza

Anche se non si ha la piena consapevolezza, l’emergenza climatica ha un notevole impatto, in modo diretto o indiretto, sulla vita delle persone con disabilitàI cambiamenti del clima, e  tutto ciò che ne consegue, incidono  sull’accesso delle persone disabili ai beni di prima necessità, come cibonutrizioneacqua potabilesanificazioneservizi sanitari e medicineistruzione  e formazioneadeguate abitazioni  e un lavoro dignitoso. Questa “Emergenza nell’emergenza“, per la prima volta,  è stata affrontata in modo approfondito dalla Cop 28 di Dubai – la 28a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si è svolta dal 30 novembre al 12 dicembre scorso. Già durante l’edizione precedente, quella svoltasi a  Sharm el – Sheikh se ne era parlato, ma in modo alquanto superficiale. L’attenzione particolare prestata nella Cop degli Emirati Arabi è la  conseguenza di una  denuncia fatta solo qualche giorno prima dalle maggiori organizzazioni mondiali per le persone con disabilitàIda – International Disability AllianceEdf – Europan Disability ForumWbu – World Blind UnionInclusion InternationalGBM Global Disability InclusionLight for the World.  Attualmente, il 15% della popolazione mondiale ha una disabilità, ma l’indice potrebbe aumentare in modo esponenziale proprio a causa dell’emergenza del clima. Inoltre, secondo il recente studio “l’International Disability Alliance – Ida” solo 39 dei 195 Stati che hanno firmato l’Accordo di Parigi fanno riferimento alle persone con disabilità nelle strategie nazionali sulla crisi climatica; questo vuol dire che l’80%  non le menziona nemmeno.

Un importante presupposto per fronteggiare la problematica è il coinvolgimento e la partecipazione attiva delle persone disabili, in quanto,  molto spesso sono le stesse ad avere le migliori soluzioni. Ciò, però, non è sicuramente sufficiente, occorre, pertanto, stanziare dei fondi specifici per concretizzare i processi di inclusione. In particolare, durante la Conferenza di Dubai si è affrontata la crisi climatica  in alcune parti del mondo,  come le piccole isole del Pacifico, che corrono il serio rischio di scomparire; in questi casi irreversibili si chiede di tenere in considerazione i diritti delle persone con disabilità. Più nello specifico viene richiamato l’articolo 11 della Convenzione delle Nazioni Unite, che afferma: “Gli Stati Parti adottano, in conformità agli obblighi derivanti dal diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario e le norme internazionali sui diritti umani, tutte le misure necessarie per garantire la protezione e la sicurezza delle persone con disabilità in situazione di rischio, incluse le situazioni di conflitto armatole emergenze umanitarie e le catastrofi naturali“.

In Italia sussistono, già dai primi anni del 2000, delle azione coordinate dai vigili del fuoco. Ci si sta già preparando, in modo specifico, all’aumento delle malattie causato dall’innalzamento  delle temperature medie del pianetaPatologie che avranno sicuramente un impatto su tutta la popolazione, ma maggiormente l’avranno sulle persone con disabilità.

 

Photo: Associazionelucacoscioni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

1° Incontro Le Parole Ritrovate – Italo – Giapponese ore 9 – 13

Fonte: Sociale.it