Europee – Lanciato il Manifesto “Elezioni decisive per i bambini e i giovani”

Europee – Lanciato il Manifesto “Elezioni decisive per i bambini e i giovani”

Iniziativa dell’Unicef che il 27 maggio  ha presentato i risultati del progetto “Eu-Foria“, con protagonisti i giovanissimi, per richiamare l’attenzione di tutti i partiti e i candidati sulla necessità di intraprendere azioni di sostegno alla costruzione di una solida Europa sociale, che protegga e promuova i diritti di tutti i bambinile bambine e gli adolescenti.

A Roma “EU-FORIA – Il talk dell’UNICEF sull’Europa con i ragazzi e le ragazze” che ha avuto come tema centrale le prossime elezioni Europee e ha visto 27 giovani fra i 18 e i 25 anni provenienti da tutta Italiadibattere a partire dai risultati di un sondaggio, realizzato attraverso la piattaforma digitale indipendente ideata e realizzata con il sostegno dell’UNICEFU Report Italia, che ha visto circa 1.700 rispondenti.

Durante l’incontro, moderato dal Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini, è stato presentato il Manifesto UNICEF “ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO 2024 – ELEZIONI DECISIVE PER I BAMBINI E I GIOVANI NELL’UNIONE EUROPEA E NEL MONDO“. Media partner dell’evento è l’agenzia ANSA, che ha diffuso in streaming il talk su sito www.ansa.it e sul profilo Facebook dell’ANSA.

L’incontro, organizzato nell’ambito delle Officine UNICEF con il nuovo format Young, realizzato in collaborazione con Generazione Magazine, è stato aperto da un video messaggio del Direttore generale dell’UNICEF Italia Paolo Rozera; è intervenuto Triantafillos LoukarelisResponsabile Advocacy Internazionale dell’UNICEF Italia.

“Dare la parola ai ragazzi e alle ragazze, renderli protagonisti del presente e del futuro dell’Unione Europea, questo il messaggio chiave che abbiamo voluto lanciare oggi.  Con questo Talk inauguriamo le Officine UNICEF Youngper promuovere costantemente e dare visibilità alle ideealle proposteai punti di vista dei ragazzi e delle ragazze su temi cruciali, sui quali, noi adulti, troppo spesso li lasciamo in dispartesilenti. Questa volta e per il futuro che verrà abbiamo deciso di partire da loro“, ha dichiarato il Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini.

Ecco le domande e i risultati del Sondaggio UNICEF U Report Italiacanale di ascolto e condivisione per ragazzi e ragazze dai 14 ai 30 anni: – “Sai che nel prossimo mese di giugno ci saranno le elezioni europee“: il 68% risponde di Siil 17% no e il 14% ne ha sentito parlare; – “Le norme dell’UE toccano molti aspetti importanti come ambientemigrazionipolitiche sociali, diritti dei consumatori e economia. Pensi che le decisioni europee influenzino direttamente la tua vita e quella di molti altri?“: il 38% ha risposto SImolto; il 36% SIabbastanzail 14% No13% Non so. – “Cosa pensi dell’idea di abbassare l’età per il diritto di voto a livello europeo?“: Il 26% si è detto favorevoleil 32% contrarioil 31% dipende dalla maturità individuale dei giovani, mentre il 12% non ha un’opinione definita; – “Cosa pensi dell’importanza del voto dei fuorisede nelle elezioni europee? Secondo te potrebbe rappresentare una rivoluzione anche nel sistema elettorale italiano?“: il 52% lo considera fondamentale; il 16% non crede faccia una grande differenzail 14% ha dichiarato che dipende dalla percentuale di fuorisede rispetto alla popolazione totale, mentre il 18% non ha un’opinione chiara al riguardo; – “Il tuo voto deciderà quali deputati al Parlamento europeo ti rappresenteranno.

Nell’elaborazione delle nuove leggi. Andrai a votare e se , quali temi influenzeranno il tuo voto?“: Il 37% ha detto che voterà il programma elettorale che preveda politiche per i giovani, il cambiamento climatico e la sostenibilità; il 39% voterà per il partito che sostenga inclusione giovanile e contrasti le diseguaglianzel’8% non voterà perché non ha ancora 18 anni; il16% non voterà perché non interessato.

Il dibattito tra i giovani – diversi dei quali impegnati con l’UNICEF in varie attività – è stata anche l’occasione per discutere dei dati emersi dal rapporto UNICEF sulla condizione dei bambini e degli adolescenti nell’Unione Europea e presentare i contenuti del Manifesto UNICEF “ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO 2024 – ELEZIONI DECISIVE PER I BAMBINI E I GIOVANI NELL’UNIONE EUROPEA E NEL MONDO” per richiamare l’attenzione di tutti i partiti e i candidati sulla necessità di intraprendere azioni di sostegno alla costruzione di una solida Europa sociale, che protegga e promuova i diritti di tutti i bambini, le bambine e gli adolescenti. Secondo gli ultimi dati UNICEF nell’Unione Europea 20 milioni di bambini e adolescenti vivono in condizioni di povertà; 11 milioni di bambini e adolescenti soffrono di disturbi mentali1 bambino su 20 è esposto a livelli elevati di inquinamento da pesticidi1,9 milioni di bambini sotto i 15 anni non ha raggiunto le competenze di base. Le prossime elezioni europee di giugno 2024 saranno determinanti per l’adozione di nuove riformepolitiche e investimenti a sostegno dell'agenda sui diritti dell’infanzia dell’UE e dei suoi Stati membri. Queste le proposte dell’UNICEF: aumentare gli investimenti nei servizi essenziali per i bambini e gli adolescenti; rafforzare la governance per i bambiniL’UE deve migliorare la sua base di dati con una nuova strategia di raccolta dati che includa i bambini; agire sui principali fattori che hanno un impatto sulla povertà dei bambini, compresa l’attuazione della Garanzia europea per l’infanzia in tutta l’UE; adottare una strategia globale pluriennale e multisettoriale per la salute mentale, dotata di costi e risorse; valutare l’impatto del Green New Deal sulla salute e sul benessere dei bambini per orientare la legislazione e le politiche ambientali; promuovere l’uso sicuro delle tecnologie digitali da parte dei bambini, affrontare il divario digitale e promuovere le competenze digitali.

Fonte: Redattoresociale.it

Photo: Redattoresociale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Un ospedale di comunità al Sandro Pertini: 80 pazienti in meno di due mesi

Fonte: Sociale.it