Musica e arte – I due volti di un percorso che va oltre la disabilità

Musica e arte – I due volti di un percorso che va oltre la disabilità

Se ne è parlato in occasione dell’evento “Percorsi nell’arte e nella musica” svoltosi nello scenario incantevole di Villa Marigola, affacciata sul Golfo dei Poeti, a Lerici.

Musica e arte, insieme per un percorso che va oltre la disabilità. “Tutto perfetto, una bellissima giornata di condivisione in un paesaggio stupendo“. Sono le parole di Sylvie e Barbara, due pazienti del Polo riabilitativo del Levante ligure “S. Maria dei Poveri” di La Spezia, al termine dell’evento “Percorsi nell’arte e nella musica” svoltosi nello scenario incantevole di Villa Marigola, affacciata sul Golfo dei Poeti, a Lerici (La Spezia). Come si legge su dongnocchi.it, per le due pazienti è stata “Un’esperienza unica” e “La musica e la poesia sono arti che riempiono l’animamolto bello“. Sylvie è seguita da tempo dal Centro “Don Gnocchi” di La Spezia: “Una mattina di 12 anni fa, mentre mi stavo preparando per andare al lavoro, sono caduta a terra per un ictus, completamente incapace di chiedere aiuto. Per fortuna mio marito era ancora in casa e ha potuto soccorrermi. Dopo il ricovero in ospedale sono stata accolta al “Don Gnocchi” che si trovava ancora all’interno dell’Ospedale di Sarzana e da allora o sempre mantenuto i contatti, perché almeno un paio di volte l’anno vengo a fare cicli di riabilitazione“. Barbara è paziente da diversi anni perché ha una malattia genetica raral’atassia di Friedreich, che provoca perdita della coordinazione muscolare e del senso dell’equilibrio e difficoltà nell’articolare correttamente le parole, dal 2018 effettua dei cicli di riabilitazione: “È una malattia per cui non ci sono farmaci o cure – spiega – ma l’unica cosa possibile è la fisioterapia“. Oltre a loro, altri quattro pazienti del Polo riabilitativo di La Spezia, insieme a una cinquantina di altri partecipanti tra familiarioperatorigiovani del Servizio Civile e volontari del CAI, si sono dati appuntamento a Villa Marigola per una visita del tutto speciale e “Senza barriere” grazie all’Associazione “Amici di Villa Marigola – Golfo dei poeti” e alla Fondazione Carispezia, proprietaria della struttura. “Percorsi nell’arte e nella musica“, iniziativa giunta alla seconda edizione, in collaborazione con la sezione locale del Club Alpino Italiano, è finalizzata a far vivere a pazienti con disabilità e difficoltà di mobilità, momenti di socializzazione in contesti artistici e naturali di grande pregioL’edizione di quest’anno prevedeva la visita del bellissimo parco della Villa settecentesca, dimora di villeggiatura dei Marchesi Ollandini e tappa dei viaggiatori del “Gran Tour” con momenti musicali, curati dagli allievi del Conservatorio “Giacomo Puccini” e del Liceo Musicale “Vincenzo Cardarelli” di La Spezia e la lettura di alcuni brani poetici a cura dell’Associazione Premio Lerici Pea, organizzatrice dell’omonimo premio di poesia giunto quest’anno alla settantesima edizione, tra i più antichi in Italia. L’utilizzo delle “Jolette“, carrozzine monoruota, utilizzate su sentieri non particolarmente scoscesi o impervi, guidate da guide esperte del CAI, ha reso possibile il percorso per i pazienti con difficoltà di movimentoL’iniziativa aveva una forte valenza riabilitativai pazienti infatti, alcuni reduci da un lungo periodo di degenza, hanno già compiuto un percorso di riabilitazione che li ha portati a un importante recupero delle loro funzionalità.

Problemi di mobilità tuttavia ancora impediscono loro escursioni in ambienti con barriere architettoniche, che invece sarebbero di grande aiuto per il loro benessere generale e la socializzazione. Da qui l’idea dell’iniziativa che si inserisce nel contesto del progetto “Un sentiero per tutti“, frutto di una convenzione sottoscritta nell’ottobre 2022 e rinnovata di recente, finalizzata allo sviluppo della “Montagnaterapia” come risorsa e strumento per la saluteil benessere e l’inclusione di persone con disabilità, da prevedere nel percorso riabilitativo di pazienti con Gravi Cerebrolesioni Acquisite ritenuti idonei. “Siamo molto orgogliosi di questa seconda edizione del progetto condiviso con CAI, Fondazione CarispeziaRegione LiguriaEnte parcoConservatorio Puccini, che sento di ringraziare pubblicamente per la disponibilità e l’accoglienza dimostrata per il supporto dello scorso anno e per averci creduto anche in questa occasione – ha commentato Martina Iardellaresponsabile di struttura del Polo riabilitativo del levante ligure “S. Maria del Poveri” della Fondazione Don Gnocchi di La Spezia – Per i nostri pazienti sono momenti importanti di condivisione immersi nella natura e nell’arte e, grazie alle jolette, hanno la possibilità di spostarsi e fare escursionismo adattatoIl patrocinio dei vari Enti ci riempie di soddisfazione perché rappresenta per noi un riconoscimento del grande lavoro che ogni giorno come Centro di Riabilitazione svolgiamo a servizio dei pazienti liguri, mettendo a disposizione professionalitàvicinanza e “Umanizzazione delle cure“, come ci ha insegnato don Gnocchi“.

Fonte: Superabile.it

Photo: Superabile.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Un ospedale di comunità al Sandro Pertini: 80 pazienti in meno di due mesi

Fonte: Sociale.it