Una festa dei lavoratori speciale – PizzAut celebra il Primo maggio con due assunzioni e una flotta di PizzAutoBus

Una festa dei lavoratori speciale – PizzAut celebra il Primo maggio con due assunzioni e una flotta di PizzAutoBus

Una festa dei lavoratori specialePizzAut celebra il Primo maggio con due assunzioni e una flotta di PizzAutoBus. Obiettivo è avere un mezzo per ogni provincia d‘Italia.

PizzAut non si ferma e proprio nella giornata di ieri, mercoledì 1° maggio, per sottolineare l’importanza del lavoro, organizza un evento seguito da un pranzo, che si terrà nel ristorante di Monza, durante il quale annuncerà 2 nuove assunzioni e l’avvio del progetto PizzAutoBus. All’evento interverrà anche Simona TironiAssessore regionale all’Istruzione e Formazione. Lo rende noto PizzAut, in un comunicato.

PizzAutoBus è una flotta di 12 Food Truck targati PizzAut che gireranno per la Lombardia e per l’Italia per moltiplicare le occasioni di inclusioneIl piano d’impresa del progetto PizzAutoBus è stato curato, e donato, da PwC Italia e da PwCStrategy&.

Il lavoro- si legge – “Procede spedito anche grazie al generoso contributo di alcune aziende che supportano con convinzione il progetto inclusivo dell’associazione PizzAutAutogrillBanca ProgettoCoop Lombardia, Danone Italia, Lombarda MotoriRovagnati e Quantum Retail, Alviero MartiniL’ErbolarioPandoraPiquadro e NAU!, stanno contribuendo a formare la flotta di PizzAutoBus che gireranno l’Italia. Inoltre, la filiale italiana di Murata Eletronics Europe BV assume una nuova persona che lavorerà presso il ristorante di Monza, come ha fatto Autogrill, che ha un suo dipendente già operativo proprio a Monza“, prosegue il comunicato.

Il coinvolgimento di queste aziende così importanti a livello nazionale e internazionale è veramente emozionante per noi – ha commentato Nico AcamporaFondatore di PizzAut – Il loro è un contributo per un mondo più inclusivo. Infatti, il progetto PizzAutoBus consiste nel comporre una flotta di Food Truck, al momento partiremo con 12 ma l’obiettivo è averne uno per ogni provincia d’Italia, e dare in gestione il Food Truck a realtà associativeOnlus, che si occupano di Autismo così da proporre posti di lavoro “Aut” in tutta Italia. Ogni mezzo potrà impiegare fino a 5 persone autisticheStiamo organizzando corsi mirati proprio per formare una cinquantina di giovani autistici che poi lavoreranno sui PizzAutoBus. Perché lo facciamo? Perché Il lavoro è un veicolo fondamentale di inclusione sociale, il progetto PizzAut nasce esattamente con questo presupposto e con l’obiettivo di trasformare i nostri ragazzi e le nostre ragazze in cittadini attivi, in contribuentiPizzAut è un laboratorio di inclusione socialeun amplificatore della nostra idea di futurole aziende sono il luogo in cui il risultato di questo laboratorio diventa realtà“.

Ad oggi PizzAut, nelle sue due pizzerie di Cassina de’ Pecchi e di Monza, impiega 40 dipendenti tra camerieripizzaioli e addetti alla cucina. Ognuno di loro “Non è solo un dipendente di PizzAut ma un professionista efficiente che si impegna durante il suo orario di lavoro con determinazione e che in futuro potrà essere integrato in qualsiasi altra realtà“, hanno concluso.

Fonte: Superabile.it
Photo: Superabile.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Un ospedale di comunità al Sandro Pertini: 80 pazienti in meno di due mesi

Fonte: Sociale.it