Siglato accordo tra Comitato Italiano Paralimpico e ITA Airways

Siglato accordo tra Comitato Italiano Paralimpico e ITA Airways

ITA Airways e il Comitato Italiano Paralimpico hanno siglato ieri a Roma un accordo per una mobilità più inclusiva, sostenibile e attenta ai diritti delle persone con disabilità, con un occhio di riguardo al mondo dello sport.

L’accordo si pone l’obiettivo di migliorare i servizi offerti alle persone con disabilità nell’ambito del trasporto aereo, partendo dalle reali necessità dei passeggeri. A tal fine viene istituito “un tavolo di confronto” che avrà il compito d’individuare le criticità del trasporto aereo “per tutte le persone con disabilità fisiche, sensoriali e intellettive”, dice Luca Pancalli (Presidente del CIP), “sulla base delle esperienze delle atlete e degli atleti paralimpici”.

La partnership tra ITA Airways e il CIP prevede anche il sostegno a tutti gli atleti paralimpici, ai dirigenti e tecnici, tramite la possibilità di spostarsi in aereo verso le destinazioni di gare o allenamenti, con tariffe e agevolazioni dedicate, dice Fabio Maria Lazzerini, ad e dg di ITA Airways.

Continua Lazzerini: “Quello con il nome di Luca Pancalli sarà un aereo di nuova generazione che emetterà il 28-29 per cento di emissione di anidride carbonica in meno. Saremo la flotta più green d’Europa”.

Afferma il Ministro per le disabilità, Alessandra Locatelli: “Quello intrapreso da ITA Airways e CIP, e per cui li ringrazio, è un cambio di passo culturale – afferma il Ministro – Migliorare i servizi offerti nell’ambito del trasporto aereo, garantendo accessibilità universale e comfort di volo, significa anche attuare alcuni importanti principi della Convenzione Onu per i diritti delle persone con disabilità, ossia piena partecipazione alla vita, inclusione e pari dignità”.

Photo: CIP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Un ospedale di comunità al Sandro Pertini: 80 pazienti in meno di due mesi

Fonte: Sociale.it