“Tavolo con il Comune di Roma per ridurre l’addizionale Irpef”

“Tavolo con il Comune di Roma per ridurre l’addizionale Irpef”

- in Imposte, News, Servizi, Terzo Settore
145
0

Ad annunciare l’interlocuzione avviata con il Campidoglio è il segretario della Cisl Lazio Enrico Coppotelli, durante il Convegno “Destinazione Roma, l’agenda della Cisl per il Giubileo del 2025“.

Con il Comune di Roma è in corso un tavolo negoziale per lavorare su una proposta di riduzione fiscale sull’addizionale Irpef comunale“. Ad annunciarlo è il segretario della Cisl Lazio Enrico Coppotelli, durante “Destinazione Romal’agenda della Cisl per il Giubileo del 2025” organizzato, giovedì 4 luglio, in Campidoglio. “Questa è una base di partenza solida e concreta, sulla quale costruire un’azione di rilancio produttivo ed occupazionale, associato alla proposta della Cisl sulla partecipazione dei lavoratori agli utili d’impresa. Ora è il momento di accelerare“.

Il convegno è stato organizzato per illustrare le 11 proposte che compongono l’agenda del sindacato in vista del GiubileoFra le strategie appunto la riduzione progressiva straordinaria dell‘addizionale Irpef su er il 2025aspetto che sarebbe già oggetto di un’interlocuzione avviata con il Sindaco Roberto GualtieriA richiedere un confronto su questo negli scorsi mesi anche la Cgil, a seguito della legge di variazione di bilancio approvata lo scorso marzo in Regione Lazio.

La Pisana ha infatti azzerato le addizionali Irpef per i redditi imponibili fino a 28 mila euroPer sostenere questa misura fiscale, ha stanziato 136.985.000 euro per il 2024, di cui 133,7 per il taglio dell’Irpef e 3,285 milioni per il taglio dell’Irap al terzo settoreIl fondo è coperto con 100 milioni di euro già iscritti nel bilancio 2024-2026.

Altro punto centrale emerso dall’agenda Cisl: l’appello a favorire la partecipazione dei lavoratori nelle aziende, sia pubbliche che privateUn cambiamento che a Roma in parte è già iniziato.

Mentre in Parlamento è in discussione la proposta di legge di iniziativa popolarepromossa proprio dal sindacato cattolico, a Roma si sperimenta la prima forma di partecipazione al lavoro. Succede in Ama, dove recentemente è stato firmato da FIT Cisl un protocollo che prevede la costituzione di un comitato bilaterale di strategia e sviluppo industriale: “La partecipazione dei lavoratori alle imprese non è solo il vettore di uno sviluppo economico – spiega il Segretario Enrico Coppotelli – ma anche un mezzo per la realizzazione di un progresso socialeun traguardo necessario per il completamento della democrazia“.

Fonte: Romatoday.it

Photo: Romatoday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

Un ospedale di comunità al Sandro Pertini: 80 pazienti in meno di due mesi

Fonte: Sociale.it