Unione Europea: Conclusione del progetto ELEVATOR

Unione Europea: Conclusione del progetto ELEVATOR

- in Mobilità e Trasporti
105
0

Il nome del progetto “Elevator” rappresenta lo sforzo per aumentare la qualità delle risorse umane e fornisce un livello più alto di istruzione. campo del turismo accessibile per tutti, un fattore chiave per il progetto è riconoscere che, affinché le persone con disabilità possano fare turismo, il settore turistico deve avere una buona conoscenza di questo mercato in crescita, il progetto Elevator, finanziato dall’UE, ha una durata di 3 anni e si sta ora concludendo.

Mancanza di formazione
È stata riscontrata un’enorme mancanza di conoscenza del fenomeno del turismo accessibile da parte degli operatori del turismo:
• Chi sono i turisti con esigenze specifiche?
• Di cosa hanno bisogno?
• Come accoglierli.
• Come organizzare una visita in modo che possano partecipare allo stesso livello di altri turisti
• Come i professionisti possono educarsi in questo campo.

Scopo del progetto e obiettivi a lungo termine
L’obiettivo del progetto ELEVATOR è quindi stato quello di affrontare questa mancanza di conoscenza scambiando buone pratiche nell’educazione degli adulti per il turismo accessibile, nonché sviluppando e diffondendo appropriati prodotti intellettuali innovativi, per affrontare la mancanza di conoscenza sopra delineata e mirati a un certo numero di diversi gruppi target (vedi sotto).

I potenziali benefici a lungo termine sono: migliore qualità, efficienza e rilevanza dell’istruzione per il turismo accessibile; maggiore attrattiva e interesse per l’istruzione per il turismo accessibile tra i fornitori di servizi di formazione / istruzione e turismo; migliore accesso all’istruzione nel turismo accessibile per i discenti individuali, sviluppo professionale di guide turistiche / di viaggio; destinazioni turistiche e strutture turistiche più accessibili, offerta turistica estesa e maggiore coinvolgimento delle persone disabili e degli anziani in viaggio.
I gruppi target
I principali gruppi di beneficiari di questo progetto sono:
• Piccole e medie imprese nel settore del turismo
• Istituzioni educative, organizzazioni di formazione turistica e istituzioni
• Guide turistiche
• Autorità di pubbliche e organizzazioni coinvolte nel settore turistico e nell’ integrazione sociale
• Organizzazioni senza scopo di lucro
• Centri per l’impiego e istituzioni che offrono servizi per l’impiego
• Persone con disabilità
• Visitatori con esigenze specifiche e condizioni di salute a lungo termine
• Pubblico generale.

Partecipanti che contribuiscono allo sviluppo di strumenti e risorse
I partner del progetto hanno lavorato con un numero di partecipanti per sviluppare gli strumenti e le risorse appropriate:
• Il personale dei partner (formatori, ricercatori, ecc.),
• Guide turistiche professionali,
• Insegnanti / formatori di turismo (accessibile),
• Politiche e opinion maker nazionali / regionali / locali, organizzazioni di destinazione turistica,
• PMI che forniscono servizi turistici e supporto correlato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere anche

22 giugno 2019 – Frosinone: “Le parole ritrovate – Cultura e pratica della condivisione nelle politiche di salute mentale”

Fonte: http://www.volontariato.lazio.it